Gastroenterologo Dott. Prof. Iannetti Antonio Roma



Gastroenterologo Endoscopista Digestivo

pagina 2

Sito in costruzione

 

L'Helicobacter Pylori

L'Helicobacter Pylori è un batterio (uno spirobacillo GRAM-negativo), che vive nello stomaco dell’uomo. Può causare gastrite e duodenite, aggravando la patologia fino all'ulcera peptica ed al tumore dello stomaco, chiamato linfoma gastrico. Può causare anche l'adenocarcinoma gastrico, che è più maligno del precedente, partendo, secondo l'ipotesi del patologo Correa, dalla gastrite superficiale, evolvendo in gastrite atrofica, atrofia gastrica, metaplasia, displasia, cancro. Questo spirobacillo vive senza ossigeno, ecco perchè prolifera nello stomaco, dove riesce a rendere alcalino l'ambiente acido con il suo enzima ureasi. Scindendo l’urea, una proteina presente in molti alimenti, il batterio produce ammoniaca, che rende l'habitat favorevole al suo sviluppo ed alla sua sopravvivenza. Questa peculiarità viene utilizzata nei test diagnostici, come il test rapido all’ureasi, che si pratica sul prelievo mucoso, effettuato durante la gastroscopia, ed il test del respiro chiamato, appunto urea breath test, che va a dosare il carbonio marcato, contenuto nell'urea somministrata al paziente e scissa dal batterio.

Il batterio aderisce alla parete dello stomaco tramite molecole di adesina e la sua intensa attività motoria ne previene l’eliminazione con la peristalsi.


L’Helicobacter è presente nello strato superficiale della mucosa dello stomaco e la sua infezione si limita a quella zona. Successivamente l'infezione e l'infiammazione si propagano negli strati più profondi, fino ad arrivare al sangue e si formano gli anticorpi. Questi possono essere dosati e non proteggono il paziente dall'infezione che perdura a livello gastrico.

Share by: