Gastroenterologo Dott. Prof. Iannetti Antonio Roma



Gastroenterologo Endoscopista Digestivo

L’idea di eseguire una gastroscopia introducendo lo strumento endoscopico dal naso è stata di un Gastroenterologo italiano, presso il quale il prof. Iannetti si è recato per apprendere la metodica.

Endoscopio ultra-sottile

Trattasi del così detto “uovo di Colombo”, nel senso che la metodica è molto semplice ed è resa possibile dall’utilizzo di un endoscopio ultrasottile, le cui limitazioni funzionali, come la dimensione ridotta del canale operativo, un ridotto angolo di visuale e l'orientabilità del puntale, sono molto ridimensionate negli strumenti di ultima generazione. Questi presentano oggi la compatibilità con gli elettrobisturi per procedure operative.

Visione schematica del passaggio

Esistono due tipi di gastroscopi ultrasottili in commercio, con caratteristiche simili. Il diametro si è ulteriormente ridotto, per uno dei due modelli (5,4 mm nella parte distale della sonda), con incremento viceversa del canale operatore fino a 2,2 mm, il che consente una migliore campionatura bioptica. Due fasci di luce fredda migliorano la visibilità e la profondità di questa, con un ampliamento del raggio di visuale. La manovrabilità è garantita da un ampio raggio di curvatura sia in senso up/down che nei movimenti di lateralità. Infine, la possibilità di switchare i fasci di luce a due sole lunghezze d’onda (Narrow Band Imaging o NBI), consente la colorazione elettronica della mucosa, che offre una visione più dettagliata per la diagnosi differenziale dei tumori.
.

La gastroscopia trans-nasale , o meglio l’ Esofago-Gastro-Duodeno-Scopia  con strumento ultra-sottile, ha specifica indicazione in quelle patologie nelle quali il normale gastroscopio  di 9,8 mm di diametro non passerebbe. In tali casi, solo con lo strumento ultrasottile è possibile superare il restringimento patologico ed esplorare i rimanenti distretti viscerali.
.

Il canale operativo è passato dai 2 mm ai 2,2 (contro i 2,8 mm del normale gastroscopio) e il prelievo bioptico sarà effettuato con una pinza più sottile di quella standard, ma l’attendibilità del referto istologico è buona e non risente del minor volume del prelievo.
.

Il Paziente potrà rimanere seduto o porsi in decubito laterale sinistro ed il momento di maggior fastidio è l’introduzione a livello delle coane nasali, che possono essere pre-medicate con lubrificanti e decongestionanti.

Passaggio dello strumento attraverso il meato nasale

Il paziente avverte in minor misura la sensazione di nausea, rispetto all'esame tradizionale e questo tipo di procedura è eseguibile senza l’ausilio anestesiologico.

Gastroscopia transnasale
Fastidio al passaggio nelle coane
Share by: